Rieducazione per atteggiamenti scoliotici

Al fine di ridurre la curva scoliotica e mantenere la correzione, evitando un peggioramento è di fondamentale importanza la ginnastica correttiva, basata su esercizi svolti in diverse posizioni: a carponi, sdraiati, seduti o in piedi.  Alcuni  metodi prevedono solo l’esecuzione di esercizi carponi, ma occorre praticarli anche in piedi e seduti per correggere la postura soprattutto nei bambini e negli adolescenti. I muscoli della parte concava dell’arco scoliotico sono retratti e mantengono le vertebre inclinate dalla parte della curva scoliotica, occorre quindi far eseguire esercizi e far mantenere posture che li allunghino. I muscoli in allungamento dalla convessità della curva dovranno lavorare in posizione accorciata, mentre bisogna potenziare in stiramento quelli che si trovano nella convessità della curva. Importanti fra esercizi e posture sono quelli di elongazione: si può chiedere al paziente di sollevare pesi sulla testa allungando e raddrizzando la colonna vertebrale, con miglioramento nel tempo anche della postura da seduto nella vita quotidiana. Ci sono due grandi categorie di esercizi: simmetrici, eseguiti con entrambi i lati della schiena o collo; asimmetrici effettuati solo con una spalla o un’anca per coinvolgere la muscolatura di un solo lato del tronco.
Gli esercizi sono utili anche in caso di cifosi dorsale,  di solito accompagnata da lordosi lombare accentuata (iperlordosi).
È importante istruire il paziente a modificare la postura quotidiana, con posizioni che tendono a ridurre la scoliosi ed evitando quelle che la peggiorano: molti esercizi dovranno quindi essere ripetuti a casa regolarmente.

Vuoi più informazioni?
Contattaci