Cefalee

Il “mal di testa” o cefalea  è un dolore che colpisce testa o collo, quale patologia isolata o in presenza di svariate malattie. Va chiarito che cervello e tessuto cerebrale non sono sensibili al dolore, in quanto mancanti di recettori specifici: il dolore è quindi percepito e localizzato in testa a causa di perturbazioni di strutture sensibili localizzate intorno al cervello: periostio del cranio, nervi, muscoli, arterie e vene, tessuti sottocutanei, occhi, orecchi, seni paranasali e mucose. La classificazione del “mal di testa” più accettata, fra le tante, è quella proposta dalla International Headache Society, approvata dalla Organizzazione Mondiale della Sanità, che distingue le cefalee primarie in base ai sintomi e le forme secondarie in base alla loro etiologia. Lo scopo è quello di fornire agli Operatori sanitari uno strumento unitario per il riconoscimento dei diversi tipi di cefalea e  quindi di formulare diagnosi specifica su cui adottare la terapia più efficace. Semplificando possiamo suddividere il mal di testa fondamentalmente nelle seguenti categorie: Cefalee primarie, Cefalee secondarie, Nevralgie craniche e dolori facciali centrali o primari e altre cefalee. Il trattamento delle forme soprattutto croniche deve sempre essere affidato al medico, ad evitare che terapie sovrapposte inducano uno stato di non responsività, con necessità di washout (lavaggio) prima di intraprendere una strategia efficace. Accanto ai farmaci (analgesici, FANS, triptani) si sono rivelate efficaci: terapia manuale (massoterapia, secondo un protocollo elaborato da AlCe, Alleanza cefalalgici, e A.Na.M. Associazione Nazionale Massoterapisti), Idroterapia, Terapia Complementare Enzimatica e, fra le terapie strumentali, la Ioniterapia tissutale.

Vuoi più informazioni?
Contattaci