Artrosi

Patologia cronica degenerativa che colpisce le articolazioni portando alla progressiva compromissione delle strutture anatomiche articolari.Interessa prevalentemente la colonna vertebrale, in tutti i suoi distretti (lombare e cervicale soprattutto) e le articolazioni degli arti (anca, ginocchio, gomito, dita). Nel processo degenerativo le cartilagini articolari vengono sostituite da tessuto osseo, con variazioni qualitative e diminuzione del contenuto fluido delle articolazioni stesse: ne conseguono dolore e limitazione dei movimenti. L’insorgenza di Artrosi è correlata con l’età: compare nella maggior parte delle persone intorno al quarantesimo anno di età per diventare ubiquitaria negli ultrasettantenni, rivestendo il triste primato di essere la causa più importante di dolore e di invalidità per malattie articolari. Prima dei 45 anni è maggiormente colpito il sesso maschile, successivamente quello femminile, in correlazione con le modificazioni metaboliche connesse con la menopausa. Si distinguono forme primitive (che insorgono senza apparenti cause in articolazioni fino a quel momento sane) e secondarie, che si instaurano a seguito di traumi, processi infettivi, processi infiammatori, deformità congenite, sovraccarico funzionale. La diagnosi si basa sulla obiettività clinica e su esami ematici, analisi delle urine, e radiologici. La terapia, sempre di competenza medica, mira al controllo dei sintomi (dolore) e al miglioramento della qualità di vita, facendo ricorso a farmaci analgesici, antinfiammatori steroidei (cortisonici) e non-steroidei (FANS), Fisioterapia e a volte chirurgia. Trattamenti strumentali sono rappresentati da Tecarterapia e Ioniterapia tissutale ma il trattamento di eccellenza è sicuramente il ricorso ad infiltrazioni intrarticolari di acido ialuronico, che possono radicalmente modificare il decorso della malattia.

Vuoi più informazioni?
Contattaci